PROGETTO SKATING IN THE DARK CAPITOLO 2

Condividi:Share on FacebookShare on Google+

GLI AUSILI DIDATTICI: COSA SONO, A COSA SERVONO E COME UTILIZZARLI

Uno dei compiti dell’insegnante è quello di portare l’allievo ad apprendere l’elemento considerato in forma graduale utilizzando tutta una serie di progressioni con materiali didattici che, strutturando degli schemi motori e/o rielaborandoli di volta in volta, portino l’allievo a superare con facilità le difficoltà insite nell’elemento da apprendere. Nell’insegnamento dello skateboard alle persone con disabilità visiva gli ausili didattici possono essere rappresentati dagli elementi dell’arredo urbano come: marciapiedi; scalini; piani rialzati; ecc. oppure da elementi specifici come le tavole propedeutiche e gli avvisatori acustici.

2.1       GLI ELEMENTI DELL’ARREDO URBANO

Marciapiedi, gradini e piani rialzati che normalmente compongono l’arredo urbano delle nostre città possono venir utilizzati per l’apprendimento progressivo di una manovra durante le fasi di riscaldamento degli allievi.

Immagine 1

2.2       LE TAVOLE PROPEDEUTICHE

Le tavole propedeutiche senza truck (i truck sono quegli elementi meccanici ai quali sono fissate le ruote che, grazie a uno snodo, consentono alla tavola di curvare) e a ruote bloccate rappresentano dei validi elemento necessari all’apprendimento tecnico delle diverse manovre.

La tavola propedeutica senza truck non è altro che una tavola da skateboard alla quale sono stati rimossi i truck. Questo ausilio didattico può essere utilizzato in due modi diversi: direttamente a terra incollando sulla faccia inferiore della tavola una striscia di moquette per non farla scivolare, oppure sopra a un tappetino gommato poggiato a terra.

Immagine 2

La tavola propedeutica a ruote bloccate è invece una tavola da skateboard completa alla quale sono stati modificati i cuscinetti, bloccandoli con una colla ad alta tenuta, per  impedirne lo scorrimento.

immagine 3

Le tavole vanno usate sempre in maniera progressiva per qualunque trick andiamo ad insegnare, visto che ognuna ha una propria specificità. S’inizia sempre con la tavola senza truck, dal momento che è stabilissima ed è praticamente impossibile cadere utilizzandola. Dunque sulla tavola senza truck s’incominciano a sperimentare i primi movimenti di una manovra. La specificità di questo attrezzo didattico è quella di far sperimentare i movimenti di un qualunque trick (manovra) in sicurezza, ponendo le basi per la costruzione degli schemi motori della manovra, velocizzandone contemporaneamente i movimenti. Le tavole propedeutiche a ruote bloccate rappresentano il passo successivo per la rielaborazione degli schemi motori costruiti sulle tavole senza truck, avvicinandosi molto di più alla manovra reale, visto che rispetto allo skateboard normale fa eccezione solamente la mancanza di movimento delle ruote. Proprio questa mancanza di movimento consente all’allievo di concentrarsi sul trick in sicurezza, studiandone i movimenti senza preoccuparsi più di tanto di cadere.

2.3       GLI AVVISATORI ACUSTICI

Esistono in commercio diversi avvisatori acustici – dal campanello elettronico senza fili al sensore di movimento – che vengono utilizzati con il disabile visivo per circoscrivere lo spazio entro il quale muoversi, per delimitare strutture od ostacoli e per la direzionalità.

Così come per le tavole propedeutiche anche per gli emettitori sonori esiste una progressività logica necessaria ad abituare il disabile visivo sia alla mappatura dello spazio circostante, sia alla traiettoria da seguire. La disposizione e l’incremento degli avvisatori acustici vanno sempre concordati con il disabile visivo e di norma sono preceduti da un periodo di tempo variabile  nel quale la voce di uno o più insegnanti funge  da guida per la mappatura e la direzionalità. La principale difficoltà che il non vedente incontra nel passaggio dalla guida vocale a quella con gli avvisatori acustici è rappresentata dal punto di emissione del suono che si sposta dall’alto, nella guida vocale, al basso con gli emettitori sonori poggiati a terra.

immagine 4

A cura di:
Paolo Pica
Alessandro Gargiullo
Barbara Macali